Cannabis, Come Coltivare in Idroponica - Guida Completa

Cannabis, Come Coltivare in Idroponica - Guida Completa

Come suggerisce il nome, l'idroponica è un metodo di coltivazione fuori suolo che utilizza l'acqua come substrato principale.

Nella coltura idroponica, le piante di cannabis vengono coltivate in secchi o cestini riempiti con un mezzo di coltura inerte e sospese su un serbatoio pieno d'acqua.

L'acqua contiene tutti i nutrienti necessari per la sopravvivenza e la crescita delle piante e l'uso di pietre porose può ossigenare il serbatoio.

Questo modello di base è disponibile in diverse forme e sistemi e la scelta delle piante dipende dalle preferenze di ciascun coltivatore.

           

Ci sono molti vantaggi della coltivazione idroponica e in questo articolo cercheremo di trattarli tutti. Ma prima, tuffiamoci nella storia di questa affascinante forma d'arte


La storia della coltura idroponica
A prima vista, l'idroponica sembra essere il risultato dei più moderni progressi tecnologici. Tuttavia, questo è lontano dalla verità.

L'area situata vicino all'Eufrate è di natura arida e arida, e si ipotizza che le colture di questi giardini possano essere alimentate da un sistema di percolazione che attinge l'acqua dal fiume.

Andando avanti nel tempo fino al X e XI secolo, la civiltà azteca utilizzava l'idroponica per garantire il mantenimento della società. Il gruppo si stabilì lungo le rive del lago Tenochtitlan dopo essere stato costretto a rinunciare alla propria terra a causa del conflitto. Qui iniziarono a costruire zattere galleggianti ricoperte di fango, permettendo alle piante di crescere sul mantello e di diffondere le loro radici nell'acqua sottostante.

Più recentemente, ma lontano da ora, abbiamo trovato un esempio di idroponica dello scienziato inglese John Woodward nel 1699. Il suo lavoro include la coltivazione di piante di menta verde in acqua. Fu così che scoprì che le specie vegetali tendono a crescere più velocemente all'interno di una fonte d'acqua mista a terreno.

Se parli con un coltivatore idroponico esperto, la prima cosa che potrebbe dirti è che le piante idroponiche crescono molto più velocemente delle piante coltivate nel suolo. E qui si riflette il primo vantaggio di questo metodo di coltivazione. Le piante crescono del 30-50% più velocemente e nella maggior parte dei casi forniscono rese più elevate. Ciò è principalmente dovuto al fatto che i nutrienti contenuti in un sistema idroponico sono più facilmente disponibili per le piante. I nutrienti sono sospesi nell'acqua e penetrano direttamente nell'apparato radicale perché non c'è terreno da attraversare. Al contrario, le piante coltivate nel terreno devono spingere le loro radici attraverso il substrato per assorbire i nutrienti dagli strati più profondi. Il facile accesso ai nutrienti consente alle piante di immagazzinare energia, che viene poi trasferita alla crescita.

Qual è la differenza tra i sistemi idroponici attivi e passivi?
I sistemi idroponici possono essere attivi e passivi, a seconda di come sono progettati. Il sistema attivo prevede il movimento della soluzione nutritiva attraverso una pompa elettrica e ossigena l'acqua attraverso la pietra porosa. I sistemi passivi sono molto più semplici, alcuni dei quali utilizzano riser capillari piuttosto che pompe elettriche per fornire nutrienti alle piante.

Sistema idroponico passivo per la crescita delle infestanti
I sistemi idroponici passivi hanno una configurazione minimalista. Usano metodi a bassa tecnologia per fornire acqua e sostanze nutritive alle radici di canapa senza utilizzare l'elettricità.
Tipi di sistemi idroponici passivi
Esistono vari sistemi idroponici passivi, ma i più popolari sono il metodo Kratky e il sistema a stoppino.
Vantaggi dei sistemi idroponici passivi
I sistemi idroponici passivi sono semplici e facili da installare. Sono ideali per chi utilizza questi impianti a base idrica per la prima volta, e sono più economici rispetto ai sistemi attivi. Di seguito indichiamo i principali vantaggi dei sistemi idroponici passivi:

✔️Costi moderati
✔️Facilità di installazione
✔️Adatti a principianti
✔️Richiedono meno elettricità

Dipende dal sistema utilizzato. Con il metodo Kratky non è richiesta l'irrigazione manuale. I sistemi di stoppino sono spesso preferibili all'irrigazione manuale perché un rilascio lento e graduale riduce al minimo il rischio di annaffiature eccessive. Tuttavia, in alcuni casi, questo metodo non può fornire acqua a sufficienza per esemplari molto grandi e particolarmente assetati. Pertanto, a volte è necessario l'intervento con un annaffiatoio.


Sistema idroponico attivo per la coltivazione di Cannabis
I sistemi idroponici attivi utilizzano la tecnologia moderna per mantenere le piante alimentate, irrigate e ventilate. Con una pompa elettrica e una pietra porosa, la radice di cannabis può essere fornita con tutti i nutrienti di cui ha bisogno per sostenere la salute dell'esemplare.

Dal momento che questi sistemi prevedono l'utilizzo di dispositivi elettronici, il coltivatore può decidere di automatizzare l'intera procedura per ridurre il carico di lavoro.

Vantaggi dei sistemi idroponici attivi

I Sistem Idroponici sono ottimi per le coltivazioni di grandi dimensione, nonostante siano vulnerabili in caso di mancanza di elettricità offrono numerosi vantaggi:

✔️Efficienza idrica
✔️Ossigenazione ottimale
✔️Facili da automatizzare

I costi della coltivazione idroponica

Quando si pensa alla coltivazione Idroponica ci immaginiamo sempre impianti altamente tecnologici e sebbene può esser veritiero in parte è bene sapere che il costo di un sistema idroponico può variare di molto, a seconda del tipo di attrezzatura, dimensioni ecc..

Esistono inoltre varie configurazioni, composti da Autopot o sistemi auto-drenanti, con irragazione automatica ecc..

Un buon modo di risparmiare tempo e denaro è quello di acquistare un kit già pronto come questo: 

Ovviamente come detto in precedenza ne esistono di vari prezzi e misure, perciò se vuoi consigli i vedere altri kit pronti puoi continuare a navigare nella Farm o contattarci qui in Live Chat. 

Materiali necessari per un sistema idroponico fai-da-te

Se invece volete cimentarvi nel costruire un sistema Idroponico da soli potete consultare questo elenco di prodotti necessari ad avviare questo tipo di coltivazione.

Ecco cosa vi servirà:

a) Lampade (LED o al sodio)

h) Semi

b) Supporti per lampade i) Ventole di aerazione e tubi di canalizzazione
c) Tenda di coltivazione j) Filtro a carbone
d) Vassoio e serbatoio per impianto idroponico k) Ventole oscillanti
e) Pietra porosa e pompa l) Sostanze nutritive per idroponica
f) Substrato di coltivazione (es. fibra di cocco) m) Misuratore di pH e di PPM
g) Vasi con trama a rete n) Igrometro

 

Scelta del Substrato

Ora che conosciamo la storia ed i benefici dell'Idroponica è ora di iniziare, è tempo di scegliere un Substrato. Il Substrato è una sostanza capace di mantenere in posizione l'intersezione tra gambo e radici, in questo modo le radici possono crescere in acqua in cerca di nutrienti.

Ogni Substrato ha i propri vantaggi, scopriamoli:

    2) La cannabis coltivata idroponicamente preferisce le temperature di 20°C. Questo parametro può essere monitorato usando un termometro ad acqua e modificato usando uno scaldaacqua, se le temperature dovessero essere troppo basse.

    3) Apportare le giuste quantità di fertilizzante

    Le piante idroponiche richiedono gli stessi nutrienti delle loro controparti coltivate in terra. Il modo più semplice per concimare le piante è acquistare fertilizzanti formulati per l'idroponica che contengano tutte le sostanze necessarie sia per la fase vegetativa che per quella di fioritura (clicca qui). Sulle etichette dei prodotti viene anche riportata la frequenza con cui bisogna aggiungerli e con quale diluizione.

    4) Mantenere tutte le attrezzature pulite per evitare la contaminazione

    Sia i serbatoi che i vassoi devono essere svuotati e puliti circa ogni due settimane. Questo processo manterrà le radici delle piante al sicuro dai patogeni invasori e dalle malattie. Ripetete lo stesso procedimento menzionato nel paragrafo sulla preparazione dell'impianto.

    5) Selezionare una varietà da coltivare idroponicamente

    La selezione della varietà è un fattore molto importante nella coltivazione idroponica. Le piante coltivate indoor all'interno di questi sistemi sono libere di assorbire i concimi in modo estremamente rapido, il che spesso provoca una crescita esplosiva e molto rapida. Scegli una varietà che non cresca oltre le capacità della tua area di coltivazione.
    Qui trovi tutti i nostri semi da collezione con le loro schede tecniche puoi consultarli o chiedere un consiglio direttamente a noi in Live Chat
    Semi da collezione

    Se avete problemi o domande

    Ci sono molte situazioni che potrebbero verificarsi durante la coltivazione e potreste aver bisogno di aiuto e di consigli su come superarle. Ti consiglio d’iscriverti alla nostra Newsletter per non perderti le nostre guide, o in alternativa puoi entrare nel nostro gruppo Telegram. Rimani aggiornato su News e articoli sulla coltivazione!

     

    Buona fortuna nella coltivazione delle tue piante, e speriamo che questo articolo ti abbia aiutato.

    ENJOY420

    Articoli Correlati

    Cannabis - Come Calcolare la Resa
    Cannabis - Come Calcolare la Resa
    Sai cosa hanno in comune pescatori e i Grower? Entrambi hanno una forte tendenza a esagerare quando parlano dei loro...
    Leggi
    Le 10 Migliori genetiche Femminizzate Fotoperiodiche - GENNAIO 2022
    Le 10 Migliori genetiche Femminizzate Fotoperiodiche - GENNAIO 2022
    Sei alla ricerca dei migliori Semi Femminizzati sul mercato? Non preoccuparti, noi di 420Farm.it abbiamo elencato le ...
    Leggi
    I 10 Migliori Semi Autofiorenti - Dicembre 2021
    I 10 Migliori Semi Autofiorenti - Dicembre 2021
    Sei alla ricerca dei migliori semi autofiorenti indoor sul mercato? Non preoccuparti, noi di 420Farm.it abbiamo elenc...
    Leggi

    Lascia un commento

    Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati